Patrimoniale Riello: “Letta mette i giovani gli uni contro gli altri”
Giordano Riello, imprenditore

Patrimoniale Riello: “Letta mette i giovani gli uni contro gli altri”

Ho sempre nutrito stima verso il Segretario del PD Enrico Letta. È una persona perbene e ricordo con ammirazione e rispetto il lavoro svolto come Primo Ministro tra il 2013 ed il 2014.

Ma questa volta penso abbia dato voce ad una proposta molto pericolosa. Pericolosa per il rischio che questa ha di inasprire l’odio tra le persone nelle comunità. Su una cosa mi trova assolutamente d’accordo; quando in un post dice “ne traggo la triste ennesima conferma che non siamo un paese per giovani”. Esatto Segretario, e proposte come #dote18 confermano che non siamo un Paese per giovani.

Un Paese degno di definirsi tale non mira a proposte che inesorabilmente rischia di creare forte conflittualità proprio tra i giovani, mettendo gli uni contro gli altri. Chi ha diritto a ereditare la sacrosanta successione che non è piovuta dal cielo ma è stata frutto di sacrificio, impegno e lavoro da parte dei propri genitori e chi, invece, pretende che un pezzo di tale somma gli venga devoluta. Con il solo merito di avere 18 anni.

Il futuro dei Giovani non si crea regalando 10.000€ una tantum ai diciottenni. Il futuro, quello costruito su solide fondamenta, si garantisce con la formazione, con l’istruzione, con l’impresa e sopratutto con il merito!

Il merito che questa proposta mira a ledere.

Come diceva Andreotti: a pensar male si fa peccato ma quasi sempre si indovina. A me questa proposta suona molto di mancia elettorale. Vogliamo fare qualche cosa che sia di vero interesse per il mio futuro e quello dei miei coetanei e vada contro i vecchi interessi politici? Una proposta davvero giovane e per i giovani?

Sarei stato felice di aver sentito parlare di una tassa di successione per l’impiego. Vogliamo fare le cose fatte bene? Quell’1% della popolazione (e sappiamo tutti quando vale un 1% di votanti rispetto al 99% che rimane) anziché regalare i 10.000€ ad estranei 18enni si impegni ad investire quegli stessi denari nella propria azienda, in attività commerciali, di ristorazione, di hôtellerie, agricoltura, cultura…

Un’attività che però serva davvero a generare occupazione, lavoro e futuro per noi Giovani!

So che non è una proposta “da voto” ma è una proposta per garantire il futuro dei giovani votanti!

Lascia un commento