Al momento stai visualizzando Come ti “cucino” Salvini: Fontana, inchieste e abbandono dei leader
Dalla pagina Facebook di Matteo Salvini a Milano Marittima
  • Categoria dell'articolo:News
  • Autore dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Come ti “cucino” Salvini: Fontana, inchieste e abbandono dei leader

La strategia è chiara a tutti, ormai. E guarda caso è sempre la stessa: cancellare il leader difficile da battere, grazie “all’aiuto da casa”. Qui non siamo a “chi vuol esser manettaro”, ma Mr. Papeete è vittima eccellente della più classica delle strategie di demolizione dell’altro. Protagonista di questo lento processo è la magistratura, sostenuta dal Parlamento accusatore, incentivata da alcuni retroscena ora riportati dai quotidiani.

E il gioco è fatto, tanto i tempi sono lunghi e il fuoco lento sino al 2023. E, guarda caso, si passa ancora per Milano Marittima un anno dopo. Sempre dal Papeete luogo ameno del tracollo. Secondo la stampa di oggi Matteo Salvini sarebbe stato “abbandonato” per la consueta festa annuale della Lega. Nessun altro leader sarà con lui in queste ore.

Altro tassello. Ed è proprio quell’Attilio Fontana nel fuoco di fila di queste settimane a non partecipare alla festa del Carroccio Emilia Romagna, oltre a Giancarlo Giorgetti che non gode di grande simpatia da parte di Salvini negli ultimi mesi. E Zaia? Ci va o non ci va?

Ecco, proprio lui. Siamo pronti a scommettere che questa lenta opera di cottura del leader “pericoloso” passerà per le vie del Veneto, pronti il 21 settembre ad acclamare l’ingombrante leader interno a discapito del lumbard. “Salvini? Il suo problema ora è anche Zaia”, prepariamoci a titoli simili.

L’effetto, però, diciamolo alla maggioranza di Governo, è quello di agevolare un successore. E le percentuali dei sondaggi, sino ad ora, sembrano dare ragione a questa ricostruzione, con la crescita incontrastara di Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia con il duplice intento di innervosire Salvini (ancora lui!) e preparare la nuova guida del centrodestra.

Lascia un commento